Le storie del 2017

Questo 2017 che si sta chiudendo è stato l’anno in cui ho pubblicato (per ora) più cose.
Facciamo un rapido riassunto per chi si fosse perso qualcosa.

hi_angelo_foto_jen

Ho iniziato a febbraio con La ragazza e l’Angelo, il quarto titolo della serie dello Spadaccino. È una storia ambientata in Egitto, ma che ha pochissimo a che fare con l’Egitto dei faraoni. Piuttosto, è uno snodo abbastanza importante per la saga dello Spadaccino: non solo il finale si ricollega direttamente a Gatto e Libertà, ma vi compare anche un personaggio che, molti secoli dopo, incrocerà la strada dello Spadaccino in Colei che canta.

L'estate del ragazzo mortoA ottobre l’estate è finita, ma è iniziata L’estate del ragazzo morto, la seconda avventura di Carlo Cane, il riluttante indagatore dell’incubo già incontrato in Castel della Croce. Quelle di Carlo sono storie molto diverse da quelle dello Spadaccino: ambientate a Genova e dintorni nei giorni nostri, mi piace pensarle in primo luogo come delle commedie, nelle quali succedono poi delle cose sovrannaturali. Se avete visto la serie di Smetto quando voglio, giunta questo inverno al terzo film, il tono è quello: trentenni in crisi che cercano di sfangare il lunario in qualche modo e finiscono in guai molto più grossi di loro. Nei programmi per il prossimo anno, dopo la primavera e l’estate dovrebbero arrivare anche l’autunno e l’inverno di Carlo Cane, per portare a termine la sua prima annata.

E, fin qui, business as usual, perché sono ebook pubblicati autonomamente, come gli altri anni.
Le novità sono arrivate a fine anno.

zappa e spadaSono stato chiamato da Mauro Longo a far parte della banda di Zappa e Spada, la prima antologia di Spaghetti Fantasy uscita per i tipi (ovvero “i caratteri tipografici”, non “tipo” nel senso di “ehi, tipo, c’hai una siga?”; tutto questo per dire che esiste anche la versione cartacea) di Acheron Books. È stata una bella sfida, perché avrei condiviso l’indice con gente molto più in gamba ed esperta di me, ma penso di esserne uscito bene, con una storia che mi soddisfa molto e che ha ricevuto qualche menzione nei commenti al libro letti in giro. Commenti al libro che sono decisamente positivi, tra l’altro.

9788825404524-ritorno-a-mogadiscioUltimo ma non ultimo, Fabio Novel mi ha chiamato per chiudere il primo anno della collana Passport di Delos da lui diretta. Il risultato si chiama Ritorno a Mogadiscio ed è una storia ancora diversa da tutte quelle uscite finora, un thriller tutto d’un pezzo senza elementi sovrannaturali. È la versione definitiva, ampliata e rivista di una storia che avevo iniziato anni prima e racchiude alcuni temi che trovo molto importanti: le nostre scelte e le loro conseguenze, il male, l’assurdità della vita. Poi ci sono anche un sacco di esplosioni, di agguati, di colpi di arma da fuoco, tanto per non perdere l’abitudine. È la prima volta che una casa editrice pubblica qualcosa su cui c’è solo il mio nome, e ne sono molto fiero.

21761366_10159261947485103_3265134322698176817_n

Disegni di Roberto Lauciello

E infine, c’è un piccolo bonus.
91ZptxyNQ4LPer la casa editrice Franco Cosimo Panini ho scritto i testi del libro Tombe, sarcofagi e piramidi, pubblicato in collaborazione con il Museo Egizio di Torino e illustrato dal bravissimo Roberto Lauciello. È un libro di divulgazione per bambini, con testi semplici accompagnati da scenette a fumetti che hanno per protagonisti due bambini (Schiapp e Cody) e le due mummie più famose del Museo di Torino, Kha e Merit. È il terzo libro della collana, che comprende un altro titolo scritto interamente da me, quello dedicato a Deir el-Medina. È un tipo di scrittura, ovviamente, molto diverso (ancora) da quello di tutti i titoli elencati sopra, ma che mi dà grandi soddisfazioni perché mi permette di inserire tutta una serie di piccole citazioni (dalla musica ai giochi di ruolo) che, spero, faranno sorridere i genitori che dovessero leggere questi libri insieme ai loro figli. Se per caso lo leggete e ne notate qualcuna, fatemi un fischio.

Per quest’anno è tutto.
Cosa arriverà l’anno prossimo?
Sicuramente uno Spadaccino, poi forse un western.
Poi si vedrà.
Buon anno!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...